No Place on Earth (Virago Modern Classics)

No Place on Earth MOBI ´ No Place  PDF or
  • Paperback
  • 144
  • No Place on Earth (Virago Modern Classics)
  • Christa Wolf
  • English
  • 23 June 2019
  • 0860683680

About the Author: Christa Wolf

No Place on Earth MOBI ´ No Place PDF or place epub, earth book, virago pdf, modern kindle, classics epub, No Place pdf, No Place on Earth (Virago Modern Classics)No Place on Earth ePUB Novelist, short story writer, essayist, critic, journalist, and film dramatist Christa Wolf was a citizen of East Germany and a committed socialist, and managed to keep a critical distance from the communist regime Her best known novels included Der geteilte Himmel Divided Heaven, , addressing the divisions of Germany, and Kassandra Cassandra, , which depicted the Trojan WarShe won awards in East Germany and West Germany for her No Place PDF or work, including the Thomas Mann Prize in The jury praised her life s work for critically questioning the hopes and errors of her time, and portraying them with deep moral seriousness and narrative power Christa Ihlenfeld was born March , , in Landsberg an der Warthe, a part of Germany that is now in Poland She moved to East Germany in and joined the Socialist Unity Party in She studied German literature in Jena and Leipzig and became a publisher and editorIn , she married Gerhard Wolf, an essayist They had two children Christa Wolf died in December Bloomberg News.


No Place on Earth (Virago Modern Classics)No Place on Earth MOBI ´ No Place PDF or place epub, earth book, virago pdf, modern kindle, classics epub, No Place pdf, No Place on Earth (Virago Modern Classics)No Place on Earth ePUB This fictionalized account of an encounter inbetween the poet Karoline von Gunderrode and writer Heinrich von Kleist is pieced together from extracts of actual letters In real life, both committed suicide some years after the events in this book.

You may also like...

10 thoughts on “No Place on Earth (Virago Modern Classics)

  1. Lisa says:

    UTOPIA No place Kein Ort Nirgends Oh Christa Wolf The pain that you put into this account of being lost in a utopia clashing with life to create a perfectly real dystopia, where imagination is not needed to enhance and expand experience, but to scale it down to acceptable levels UNLEBBARES LEBEN Unlivable life That is the story she dares to tell in her despair over the development of her chosen state East Germany in the late 1970s To be able to write about the pain of loss, distanc UTOPIA No place Kein Ort Nirgends Oh Christa Wolf The pain that you put into this account of being lost in a utopia clashing with life to create a perfectly real dystopia, where imagination is not needed to enhance and expand experience, but to scale it down to acceptable levels UNLEBBARES LEBEN Unlivable life That is the story she dares to tell in her despair over the development of her chosen state East Germany in the late 1970s To be able to write about the pain of loss, distance is required she needs both historical and geographical removal from the topos in her mind.So she flees to the early 19th century, and to the river Rhine a German symbol of mythical dimensions, a border and a lifeline, but out of reach for the citizens of her present Germany Safely placed in a distant time and place, Christa Wolf moves into the heads of Caroline von G nderrode and Heinrich von Kleist, and lets them speak for her through parables.Kleist tells the story of the loyal dog a tamed WOLF who is standing between two human beings calling to him from two different sides, keeping him paralysed between his duties in the middle He can t break his allegiance to one of the two callers to join the other without losing some of his integrity In the end, he collapses in the middle and FALLS ASLEEP I wish one could sleep forever, Kleist reflects, discussing his passionate disappointment in the French Revolution and in the destruction of Rousseau s ideas in the Napoleonic era a thinly disguised parallel to Wolf s situation in the marxist dictatorship of her time.A parable in a story, telling the unspeakable truth of Christa Wolf s suffering after the expatriation of Wolf Biermann and the political repercussions she felt after speaking out against it, a parable of paralysis when utopia indeed means NO PLACE, and when DYSTOPIA means EVERYWHERE.Kleist s dilemma, or Wolf s, is the connection to a country which slowly kills you in its inhumanity If you leave the country though, that will break you as well There is NO PLACE for you UTOPIA is DYSTOPIA Brutally good Wolfed it down in an afternoon, but spent days chewing on it afterwards

  2. Alexander says:

    Einmal in meinem Leben, Herr Hofrat, m chte ich dem Menschen begegnen, der mir ohne versteckten Vorwurf erlaubt der zu sein, der ich bin S 70 Herr von Kleist wolle, wenn er ihn recht verstehe, zum Ausdruck bringen, dass er sich unf hig f hle, sich in irgendein konventionelles Verh ltnis dieser Welt einzupassen S 86

  3. Burak Kuscu says:

    S k nt dan patl yorum sand m Dil bak m ndan ok k t bir kitap eviriden kaynakl da olabilir fakat e er bir diyalog varsa bu diyalogda kim konu uyor, ondan kime s z ge iyor anlamak m mk n de il Tam bir karga a hakim Olaylar takip edemiyorsunuz Bir olay oldu u da yok Arka kapak bilgilerinde intihar eden iki ki i olduklar n s yl yor, nas l bu duruma geldiklerini anlam yorsunuz Felsefi sohbetlerini okuyorsunuz Kitab n sonu da son de il. ba ba de il.Kim kimdi devaml kar yor Karakt S k nt dan patl yorum sand m Dil bak m ndan ok k t bir kitap eviriden kaynakl da olabilir fakat e er bir diyalog varsa bu diyalogda kim konu uyor, ondan kime s z ge iyor anlamak m mk n de il Tam bir karga a hakim Olaylar takip edemiyorsunuz Bir olay oldu u da yok Arka kapak bilgilerinde intihar eden iki ki i olduklar n s yl yor, nas l bu duruma geldiklerini anlam yorsunuz Felsefi sohbetlerini okuyorsunuz Kitab n sonu da son de il. ba ba de il.Kim kimdi devaml kar yor Karakterler hakk nda ok az ey biliyoruz renemiyoruz da zetle, zaman kayb yd B t n okuma tempomu da bozdu.Sinirlenmi im resmen

  4. Babette Ernst says:

    Da die Bibliotheken geschlossen sind, habe ich mich endlich mal meinem B cherschrank zugewandt Das Buch kaufte ich mir bei Erscheinen 1979, las ein paar Seiten und legte es dann weg, weil ich es mal in Ruhe lesen wollte Heute habe ich nicht nur Ruhe, sondern auch die M glichkeit, ein paar Grundlagen vorab im Internet nachzuschlagen Mit diesen Voraussetzungen konnte ich diese fiktive Begegnung zwischen Karoline von G nderrode und Heinrich von Kleist genie en und die besondere Leistung Wolfs Da die Bibliotheken geschlossen sind, habe ich mich endlich mal meinem B cherschrank zugewandt Das Buch kaufte ich mir bei Erscheinen 1979, las ein paar Seiten und legte es dann weg, weil ich es mal in Ruhe lesen wollte Heute habe ich nicht nur Ruhe, sondern auch die M glichkeit, ein paar Grundlagen vorab im Internet nachzuschlagen Mit diesen Voraussetzungen konnte ich diese fiktive Begegnung zwischen Karoline von G nderrode und Heinrich von Kleist genie en und die besondere Leistung Wolfs anerkennen, die beiden Personen in einem so kurzen Werk in ihrer Zerrissenheit und der Unm glichkeit der Anpassung zu zeigen, ihre hilflose Interaktion mit dem Umfeld, aber auch das Sich Erkennen im anderen Und gleichzeitig transportiert die Autorin die Situation in die Gegenwart der Schriftsteller der DDR, wenn man die vagen Anmerkungen zu deuten vermag Hochsensible Mensche, die mit der ihnen zugedachten Rolle nicht zurechtkommen und berdeutlich empfinden, dass sie sich mit dem Leben, das sie f hren oder f hren k nnten, niemals abfinden k nnen, begegnen uns immer noch und jeder steckte vielleicht selbst schon in einer solchen Lage, in der er sich durch u ere oder innere Zw nge sehr weit von dem eigentlich Selbst entfernt hat Einige Gedanken werden mich sicher noch weiter besch ftigen..Aber im Gegensatz zu Kassandra hatte ich hier die ersten 30 50 Seiten sehr mit dem Schreibstil zu k mpfen, der so ist wie immer bei Christa Wolf, mit unvollst ndigen S tzen , einer Punktinflation und vor allem dem Verzicht auf die Kennzeichnung w rtlicher Rede Wer spricht gerade oder sind es nur seine wessen Gedanken , f hrten zum wiederholten Lesen ganzer Abschnitte, bis ich endlich ein stimmiges Bild vor Augen hatte und besser zurecht kam Deshalb zog ich einen Stern ab, aber grunds tzlich ist es ein sehr empfehlenswertes Buch

  5. Maria (Scratchbook) says:

    Il libro di Christa Wolf incantevole avrei sottolineato virtualmente, ahim ogni singola frase, ogni parola, ogni sillaba La ricercatezza dei termini assoluta e, di conseguenza, estremamente evocativa Ma, allo stesso tempo, la lettura ne risente perch pecca di scorrevolezza ammetto di essere tornata pi volte al punto e di aver dovuto rileggere anche un intero paragrafo E tutto cos impalpabile, un intreccio al tal punto sottile e leggero, che sembra sfuggire.continua qui Il libro di Christa Wolf incantevole avrei sottolineato virtualmente, ahim ogni singola frase, ogni parola, ogni sillaba La ricercatezza dei termini assoluta e, di conseguenza, estremamente evocativa Ma, allo stesso tempo, la lettura ne risente perch pecca di scorrevolezza ammetto di essere tornata pi volte al punto e di aver dovuto rileggere anche un intero paragrafo E tutto cos impalpabile, un intreccio al tal punto sottile e leggero, che sembra sfuggire.continua qui

  6. Veronika Iris says:

    Ich f hle eine tiefe, innige Seelenverwandtschaft, die Raum und Zeit durchquert, zu Christa Wolf, die vor ber 70 Jahren die gleiche Seelenverwandtschaft zu Karoline von G nderrode und Heinrich von Kleist empfunden haben muss, welche sich vor ber 200 Jahren schon nach eben dieser Seelenverwandtschaft verzehrt haben m ssen, und die Christa Wolf ihnen nun fiktiv endlich zugesteht Worte k nnen nicht beschreiben mit welcher raumgreifenden Sehnsucht es verwandte Seelen zueinander zieht ber alle Z Ich f hle eine tiefe, innige Seelenverwandtschaft, die Raum und Zeit durchquert, zu Christa Wolf, die vor ber 70 Jahren die gleiche Seelenverwandtschaft zu Karoline von G nderrode und Heinrich von Kleist empfunden haben muss, welche sich vor ber 200 Jahren schon nach eben dieser Seelenverwandtschaft verzehrt haben m ssen, und die Christa Wolf ihnen nun fiktiv endlich zugesteht Worte k nnen nicht beschreiben mit welcher raumgreifenden Sehnsucht es verwandte Seelen zueinander zieht ber alle Zeiten und Sprachen und Orte hinweg werden sie sich doch immer finden Ich kann kaum sagen wie sehr ich mich darauf freue dieses Buch zu lesen

  7. Anastasia says:

    Nessun luogo Da nessuna parte ha origine da un drammatico distacco 1976, il cantautore e poeta Wolf Biermann, che aveva gi vita dura come artista nel paese per via del suo manifesto pensiero politico dissidente, viene privato della cittadinanza ed esiliato dalla Repubblica Democratica Tedesca Christa Wolf ed altri intellettuali protestano con un aperta lettera al governo, censurata in patria La scrittrice viene radiata dall Unione degli scrittori e da l inizia un periodo di isolamento, di Nessun luogo Da nessuna parte ha origine da un drammatico distacco 1976, il cantautore e poeta Wolf Biermann, che aveva gi vita dura come artista nel paese per via del suo manifesto pensiero politico dissidente, viene privato della cittadinanza ed esiliato dalla Repubblica Democratica Tedesca Christa Wolf ed altri intellettuali protestano con un aperta lettera al governo, censurata in patria La scrittrice viene radiata dall Unione degli scrittori e da l inizia un periodo di isolamento, di sradicamento Si tratta di un distacco forzato, che, per , si carica sempre pi , da questo prima rielaborazione e passando per Cassandra e Medea Voci per una rielaborazione di fitto valore letterario quel ritorno al passato, ai classici, che non soltanto un intelligentissimo omaggio alla cultura e alla letteratura, non narrativa storica puramente descrittiva e avulsa da implicazioni personali Anzi, una rielaborazione di s , del proprio stato e del proprio contesto socio politico Si sente, nello scivolare dell autrice nell interiori di Heinrich von Kleist e la poetessa Karoline von G nderrode, una ferita aperta e sanguinante Wolf immagina un loro incontro nell estate del 1804, sulle rive del Reno, in un salotto dove si riuniscono personaggi illustri del loro tempo Se Wordsworth diceva che la poesia lo spontaneo straripamento di potenti sensazioni , Kleist e G nderrode sono due autentici argini che si contengono a stento Come Cassandra, son due voci imbavagliate, due voci che nel tentativo di una profonda fedelt al proprio sentire non possono che essere dissonanti nel coro del mondo Da una parte c l ordine del mondo, dall altra le irregolarit , le lancinanti disarmonie del proprio mondo interiore Da una parte c il classico Goethe colui che dopo Werther ripudia gli eccessi romantici per un culto estetico delle passioni controllate, ricercando proprio l armonia di eredit greca e colui che aveva testimoniato per s stesso, tramite una miniera posseduta, di poter essere poeta, ma di poter guardare anche a un vantaggioso sostentamento economico Dall altra c Kleist, senza incarico, in aperto conflitto politico, e che non poteva rintracciare in s alcuna pace, pur cercandola in lungo e in largoAltri pretendono conoscere un modo di pensare in modo incruento Armonia, moderazione, indulgenza Kleist, per quanto strenuamente si sforzi, non penetra nella vita profonda di queste parole Consumato da un desiderio struggente, mi muovo nella loro ombra.Cos scrive Wolf, abbracciando le loro aspre irregolarit con uno stile che passa da una frase all altra dal punto di vista esterno della terza persona ai recessi dell io in prima Kleist, guardandosi dentro, non pu riconoscere alcun rassicurante ordine, nessuna gloriosa fermezza, ma anticipando Freud il caos, l abisso Tuttavia la potest quasi fiera su se stessi, in bal a di un mondo dove niente delle proprie speranze, dei propri ideali sembra attecchire davvero Non c stata corrispondenza tra gli ideali della rivoluzione francese, di uno Stato diverso e l approdo al governo napoleonico Non c accordo tra l arbitrio statale, che segue il denaro e integra anche l arte secondo tale convenienza, e un arte estremamente gelosa della pi profonda, incondizionata espressione di s echeggia, appunto, la situazione della Wolf La verit la verit emotiva, provata ogni giorno nella lotta con s stessi, con i propri moti, le proprie aspirazioni e le proprie impotenze La sfida poter esprimere tutto questo l apoteosi artistica o il fallimento Lo sa lo stesso Kleist wolfiano, quell insoddisfazione che potrebbe farlo perire di miseria terrena la sua parte migliore, e cos anche G nderrode quel che m uccide, partorirlo verso reale della poetessa Tuttavia la societ , lo sfondo sulle rive del Reno che circonda i due poeti, il fare buon viso a cattivo gioco, i due poeti mimano il tacito imperativo sociale, ovvero contenersi, se non proprio tacere, silenziare la nota dissonante Evitare imbarazzi, evitare la costante incomprensione, i momenti di incomunicabilit umana che i due hanno sentito anche troppe volte L esterno e l interno sono due isole, forse Ma un gioco provato con tanti falli, le due personalit protagoniste peccano comunque, strabordano, non possono fare a meno pur rimproverandosi, pentendosi di parlare L interno e l esterno sono fratture Pare difficile poter conoscersi davvero in un salotto mondo dove tutto una mascherata, anche i versi romantici dell ospite Clemens Brentano paiono declamazioni di chi ama innanzitutto poter sentire la propria voce C bisogno dell esterno per poter realizzarsi, per poter continuare a vivere senza implodere, per l intima convinzione che ci che si sente abbia da essere espresso e poi un primo sentore di un ultima impotenza, che verr ripreso anche in Cassandra L impotenza stessa del linguaggio e il pi complicato rapporto tra intima verit ed espressione, sempre posteriore, gi postuma di un momento passatoNiente lo disgusta tanto quanto queste espressioni letterarie che non si presentano mai quando la nostra sofferenza al culmine allora siamo muti come qualsiasi animale bens dopo, e che non sono mai esenti da falsit e vanit , pensa Kleist L abisso pi inoltrato non trova parole, un impotenza di esprimersi che da un imbavagliamento sociale, concreto finisce per essere costitutiva, un ultimo, pi profondo scacco Ricorre allora il Guiscardo, l opera incompiuta di Kleist La sua stessa incompiutezza espressione eloquente del dissidio del poeta La peste che colpisce il personaggio di Guiscardo lo stesso morbo di Kleist, la lotta che macchia d impurit l interno, ma che straborda anche nell esterno la propria malattia, il proprio disordine di pericolose derive, quel piacere autodistruttivo, il proprio male che travolge tutto il resto e rimane un masochistico desiderio inesplicabile Il conflitto soccombere oppure, forzando lo stesso ordine del mondo, agendo su un popolo senza consenso, prendere Costantinopoli Il finale non mai scritto, un bivio mai risoluto La tentazione di perire, quel pugnale che la stessa G nderrode si tiene sempre con s , rigirato per come un giocattolo curioso tra gli altri invitati nel salotto la mortificazione, costante del romanzo La capitolazione persino un punto caldo, covato, un intima certezza, ed veramente tale per chi legge, che conosce due date G nderrode si suicida nel 1806, Kleist nel 1811 L impotenza anche di genere G nderrode impotente ad esprimersi due volte non soltanto in quanto poetessa del nuovo, come Kleist, nell eterno confliggere di due generazioni, ma anche in quanto donna Pubblica le sue poesie sotto pseudonimo maschile deve, come dice Anita Raja alias Elena Ferrante. , velarsi per svelarsi mascherarsi in sembianze d uomo per trovare voce, come la sorella di Kleist deve fare per aiutare, supportare il fratello G nderrode il primo segno nell esplorazione wolfiana di una cancellazione dell espressione femminile nel sistema patriarcale Con Cassandra, meravigliosa opera, andr ancora pi a fondo, anzi, ne andr alle origini Anche G nderrode fiera, consapevole delle sue capacit , in possesso del suo interno, ma anche lei ha bisogno dell esterno perch il proprio fiume possa sfociare La violenza della sua societ la violenza che la relega al domestico, al ridimensionamento della propria vocazione come un bisogno squisitamente privato, un semplice desiderio da soddisfare Kleist, quasi invidioso ma a torto le far notare che i suoi limiti sono una vantaggiosa protezione , e per giunta sotto falso nome Wolf rende i suoi stessi personaggi androgini, sconfiggendo qualsiasi logica binaria di genere come veridica tutti e due i poeti non si allineano con i modelli di genere Non pienamente uomo o donna anche perch non accettano di contenersi, di mostrarsi sempre ragionevoli, accomodanti, incarnanti le norme sociali Kleist non nel polo di forza connotato storicamente polo di forza illuminista, positivista , ha problemi, anzi, ad avere relazioni di successo con il mondo femminile, in confronto con il normale e avvenente Savigny G nderrode ama, ma il suo a a sua volta senza saggio controllo, ovvero compiacenza del dominio maschile non abbastanza sottomessa, come l ingenua e pia Gunde, che piace, ambita, non una fair woman il conflitto tra le richieste sociali esterne e l indomabile fedelt all interno anche nel continuo ripetersi della poetessa di essere superba Kleist e G nderrode, come Wolf, sono fuori dalla propria patria, fino a diventare l impossibilit di un luogo esterno che sia proprio, che li accetti e li apprezzi per quello che sono non solo un luogo intimo ma un luogo dove trovare una propria piena realizzazione come voci in una societ , come Wolf Nessun luogo, da nessuna parte Nessun approdo nemmeno per l anima, niente armonia, nessuna patria sentita, anzi, sentita quando ormai si lontani Subire, con un sorriso ironico, il costante scarto, in quanto umani E dunque un senso sperduto temporale G nderrode venuta anzitempo, quel tempo troppo lungo prima che la donna potesse pubblicarsi con il proprio nome e senza essere surrogato dell uomo Kleist, antesignano del romanticismo e neanche allineato davvero a tale corrente, eccedente anche in essa , Kleist che insegue un tempo ormai trascorso o non ancora venuto Bellissima immagine quella mitica anche qui, dove la parte mitologica rispetto a Cassandra e Medea non ancora protagonista di Issione Sisifo, il primo condannato a ruotare in eterno, come intrappolate, incastrato in un supplizio, nella volta celeste e Sisifo che porta il suo masso su per la montagna, perch poi ricada come dice Kleist nell abisso e poi ancora, ancora Immagini mitiche di una sofferenza senza fine, ritratti prima della fine auto imposta, dell ultima resa, con l ombra funerea ad angolo

  8. Roberto says:

    Il libro, abbastanza breve, narra una storia immaginaria fra personaggi noti.In un pomeriggio dell estate 1804, Joseph Merten, che commercia all ingrosso spezie e profumi e ama le arti e le scienze, tiene un ricevimento in casa sua In un atmosfera di dialogo, discussione, interesse reciproco e nell ambito di relazioni interpersonali molto complesse si incontrano il giurista Savigny, Clemens Brentano, le sue sorelle Bettina e Gunda con il marito e il naturalista Esenbeck con la moglie.Accanto al Il libro, abbastanza breve, narra una storia immaginaria fra personaggi noti.In un pomeriggio dell estate 1804, Joseph Merten, che commercia all ingrosso spezie e profumi e ama le arti e le scienze, tiene un ricevimento in casa sua In un atmosfera di dialogo, discussione, interesse reciproco e nell ambito di relazioni interpersonali molto complesse si incontrano il giurista Savigny, Clemens Brentano, le sue sorelle Bettina e Gunda con il marito e il naturalista Esenbeck con la moglie.Accanto alla finestra, in disparte, la giovane poetessa Karoline von G nderrode, si protegge gli occhi con la mano e si ripara dietro ad una tenda dotata di un intelligenza molto viva, cosa che a quei tempi tende ad intimorire la gente che si avvicina Il drammaturgo e poeta Heinrich von Kleist, venuto per l occasione da Magonza assieme a Wedekind, il suo medico, se ne sta in un angolo, partecipa a stento alle chiacchiere e cerca di resistere alla tentazione di tenersi la testa tra le mani Uno di loro, Kleist, colpito da quest udito troppo sensibile fugge con pretesti che non gli concesso penetrare fino in fondo Senza meta, sembra, segna la lacerata carta d Europa con la sua traccia bizzarra Dove io non sono, l c la felicit.La donna, G nderrode, confinata in quel cerchio ristretto, meditativa, perspicace, integra, risoluta a vivere per l immortalit , a sacrificare il visibile all invisibile Karoline osserva Heinrich e pensa Se le relazioni tra le persone presenti in quella stanza si potessero rappresentare graficamente su un foglio bianco, tutte le linee eviterebbero un punto, intorno al quale si formerebbe uno spazio libero Quel punto Heinrich von Kleist Il poeta osserva con interesse Karoline, l unica persona reale in mezzo a delle larve, l unica che in qualche modo sembra presagire quella contraddizione che sta alla base della rovina dell umanit I loro sguardi si incrociano spesso sopra una conversazione tediosa e, quasi senza la necessit di parlarsi, leggendolo l uno sul volto dell altra, capiscono di essere diversi dagli altri Entrambi avvertono un bisogno incontrollabile di scrivere, di partorire quel che li uccide, come recita un verso della G nderrode Volevo dirLe che sarebbe certo una cosa terribilmente innaturale che noi due non diventassimo amici strettissimi Sia Karoline che Kleist si uccideranno a distanza di pochi anni Anita Raja, nella sua interessante postfazione, dice che se per Kleist, soffocato dal suo tempo, non c spazio in nessun luogo, da nessuna parte , per G nderrode lo stesso disagio centuplicato dall essere donna in una societ a misura maschile.Baricco dice Ogni tanto, stufi del bello scrivere degli anglo americani, smerigliato e insopportabilmente giusto, si torna a un certo scrivere europeo, immensamente meno confezionato, cos incauto e ambizioso, irregolare Va da s che ci vuole pi pazienza, e pi dedizione forse addirittura pi cultura e gusto ma talvolta un ritorno glorioso E infatti il libro non di facile lettura la narrazione molto intensa, in alcuni tratti ho fatto fatica a seguire il testo, a causa della scrittura poco lineare, del fatto che le voci sono alternate senza indicazioni, dei richiami continui ai testi dei due scrittori e al fatto che il libro non ha una trama da seguire, ma bens un concentrato di frasi molto belle che necessitano continue riflessioni.In sostanza il testo non fa altro che dare voce ai sentimenti romantici dei due protagonisti.Nonostante le belle riflessioni, alcune meravigliose, ho trovato il libro decisamente faticoso da leggere

  9. Nicholas During says:

    A really beautiful book Reminds me a lot of Marilynne Robinson, both in the prose though I m reading in translation but also the content with the amazing thoughts that go on in peoples minds The great part of this book is turning writing into a way to get into peoples thoughts, and show how weak conversation is in comparison Also Kleist s struggles with his own ambition and dreams of himself as writer in conflict with the reality of the world, similar to Gunderrode s conflict with love and A really beautiful book Reminds me a lot of Marilynne Robinson, both in the prose though I m reading in translation but also the content with the amazing thoughts that go on in peoples minds The great part of this book is turning writing into a way to get into peoples thoughts, and show how weak conversation is in comparison Also Kleist s struggles with his own ambition and dreams of himself as writer in conflict with the reality of the world, similar to Gunderrode s conflict with love and being a woman and the world, were very powerful Their place in history, so much on their minds throughout the book, is assured by this wonderful book Not sure how much truth there is to book though I m not sure if Kleist at least would care but this book made me think differently while reading, a thinking I would hope to continue with even after I ve finished

  10. dely says:

    Mi arrendo Nonostante conosca il tedesca abbastanza bene, questo libro troppo difficile per via dello stile Se un giorno lo trover in italiano, prover di nuovo a leggerlo I libri della Wolf non sono mai una passeggiata, ma se si riesce ad entrare nel flusso della narrazione, riescono a dare grandi soddisfazioni Ho letto met libro e ci sono delle frasi bellissime, mi sono resa conto che un libro che ha molto da offrire continuando a leggerlo in tedesco rischio di perdermi met delle c Mi arrendo Nonostante conosca il tedesca abbastanza bene, questo libro troppo difficile per via dello stile Se un giorno lo trover in italiano, prover di nuovo a leggerlo I libri della Wolf non sono mai una passeggiata, ma se si riesce ad entrare nel flusso della narrazione, riescono a dare grandi soddisfazioni Ho letto met libro e ci sono delle frasi bellissime, mi sono resa conto che un libro che ha molto da offrire continuando a leggerlo in tedesco rischio di perdermi met delle cose e di non goderne appieno